Il nuovo libro di Andrea Camilleri. Leggo e rido

È uscito , si intitola “La rete di protezione”. Saprei scrivere una cosa come questa?

Il nuovo libro di Andrea Camilleri. Leggo e rido

Andrea Camilleri festeggia il suo 100° libro al Festival delle letterature (foto LaPresse)

 
 

A volte mi dico che la vita non è solo sacrificio. Allora leggo un libro di Andrea Camilleri. Ieri ho letto l’ultimo. È uscito una settimana fa, si intitola “La rete di protezione”. Sapete quel verso della canzone: “Canta isso sulo, ma che canta a ffa’”. Leggo e rido i’ sulo. Quando uno legge e ride isso sulo, tutto è riscattato. Mi successe la prima volta da ragazzino, leggendo la prima metà delle “Anime morte”. Non è una prova decisiva, per esempio con la Divina commedia non succede quasi mai. Una particolare prova di lettura ce l’ho, qualcosa di simile alla pagina 69 di Marshall McLuhan e Mariarosa Mancuso. È quando leggendo mi viene da chiedermi: ma io saprei scrivere una cosa come questa? Mi viene di rado. Con Camilleri sì. No, non saprei.

da IL FOGLIO

 

 

 
 

In occasione della Giornata mondiale contro i femminicidi, il 25 novembre, da mercoledì 8 Rai1 replica quattro episodi in cui Luca Zingaretti indaga su donne uccise. Lo scrittore introduce le puntate con un appassionato appello sul rispetto delle donne e della loro libertà


"Se un uomo maltratta una donna, questo non è amore": anche Luca Zingaretti, nel 2016, aveva partecipato alla campagna della Polizia di Stato contro i femminicidi, invitando a denunciare. Nei panni del commissario Montalbano ha indagato spesso in casi in cui le vittime erano donne. In occasione della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, il 25 novembre, Rai1 ripropone dall'8 novembre le repliche di quattro episodi del commissario Montalbano legati da questa emergenza. A introdurre la collana Montalbano e il grido delle donne,  è lo scrittore Andrea Camilleri che nel suo intervento pacato ma forte nei contenuti, sottolinea come "il problema da qualche anno nel nostro paese si va facendo sempre più gravoso fino a diventare insopportabile". "Questo tipo di violenza che spesso e volentieri arriva all’omicidio - magari effettuato nei modi più crudeli e più barbari - ha una caratteristica: nella maggior parte dei casi viene compiuto da fidanzati ex fidanzati, mariti, ex mariti. Viene fuori un desolante quadro di arretratezza dei nostri costumi, di sconsolante angustia mentale". "In Italia - continua l’autore di Montalbano -  una gran quantità di maschi, di qualsiasi classe sociale, considerare la donna oggetto di sua proprietà in eterno, come se non dovesse avere mai più la libertà… Questa concezione è il modo più degradante e più abietto di considerare la persona umana. Il rifiuto alla sottomissione non ha che un verdetto possibile: la morte, l’annullamento totale dell’esistenza di una donna che osato opporsi. Potremo vantarci della ripresa economica, della disoccupazione diminuita, di tanti passi avanti ma fino a quando non raggiungeremo questo concetto di parità assoluta tra uomo e donna noi faremo dei falsi passi in avanti". Gli episodi. Nella prima puntata l'8, Una voce di notte (2013), Montalbano indaga sull'omicidio della fidanzata di Giovanni Strangio, figlio del presidente della provincia di Montelusa; dovrà indagare districandosi tra le pressioni dei politici coinvolti. Il 15 andrà in onda Le ali della sfinge (2008), in cui viene uccisa una ragazza dell'est: il volto è devastato da uno sparo ma un tatuaggio sulla spalla sinistra aiuta la polizia a identificare la donna. Un segno particolare con cui sono marchiate tante altre giovani. Il 22  sarà la volta di La caccia al tesoro (2011), in cui il commissario insieme a Mimì Augello (Cesare Bocci) e Fazio (Peppino Mazzotta) in un'operazione a casa di due anziani barricati a casa, armati, scopre una bambola gonfiabile, deturpata. Sfida un pericoloso maniaco che inizialmente simulerà, con altre bambole gonfiabili, l'assassinio di alcune donne. Nell'ultima replica, il 29 novembre, Gatto e cardellino (2002), vedremo il commissario alle prese con uno scippatore di vecchiette. Nel frattempo Augello è in licenza matrimoniale e al suo posto arriva Barbara Bellini (Mariacristina Marocco), amica di infanzia del protagonista.

Video

 

Serie dei record. Il ritorno di Montalbano legato a un tema importante come quello della violenza sulle donne - mentre da settimane col caso Weinstein si moltiplicano le denunce per molestie - è un'operazione intelligente ma anche una boccata di ossigeno per Rai1, in crisi di ascolti. Montalbano anche in replica fa numeri da record e il pubblico apprezza, pure se conosce a memoria i gialli di Camilleri. Sicuro di sé, anarchico ma servitore dello Stato, perché sempre alla ricerca della giustizia, Montalbano ci consola. Il perché del successo lo ha spiegato bene Zingaretti: "Andrea Camilleri è un signore che ha un mondo interiore sedimentato in novant'anni di vita. Ha creato un personaggio che ha il baricentro dentro di sé. Non corre dietro l'effimero: gli bastano un po' di soldi per vivere, la sua casa, la donna che ama, meglio se un po' lontana. Desidera quello che ha: questo ha un effetto deflagrante sul pubblico". Prodotta da Palomar e Rai Fiction, diretta da Alberto Sironi, quella che vede protagonista il commissario di Vigata è la serie dei record: il 6 marzo scorso Come voleva la prassi ha raccolto 11.3 milioni di spettatori con il 44,1 per cento di share, il miglior risultato di una fiction negli ultimi quindici anni. Un dato che ha fatto superare alla saga di Camilleri  la soglia del miliardo di spettatori, sommando gli ascolti di tutte le puntate nei 18 anni di storia della collana.

Per Le Iscrizioni chiama i seguenti numeri:

Stringelli Ivan: 348 558 0418

Claudio Raneri: 331 882 1988

 

Trappitello è attraversata dalla Strada statale 185 di Sella Mandrazzi e si trova a pochi chilometri dalle Gole dell'Alcantara (ubicate in località Fondaco Motta), le quali ogni anno attraggono migliaia di turisti.

 

Negli ultimi due decenni la popolazione della frazione è cresciuta tantissimo, sia per il fatto che oramai a Taormina non vi è più spazio disponibile all'edificazione, sia per il fatto che Trappitello si trova in pianura, immersa in rigogliosi agrumeti, ed è facilmente accessibile dagli svincoli autostradali.

 

Nel territorio insistono numerose attività alberghiere e complessi residenziali che durante il periodo estivo si popolano di turisti di provenienza anche internazionale. Punto nevralgico delle attività economiche taorminesi, Trappitello è in continua espansione sia dal punto di vista commerciale, sia dal punto di vista demografico.

 

Nel territorio di Trappitello è presente una scuola Materna

 

Taormina - Trappitello

 

Via Santa Filomena
98030 Taormina ME

 

Istituto principale:

 

MEIC88600X N.1"Foscolo"

 

 

 

Scuola Primaria

 

Taormina - Trappitello

 

Via Francavilla 8/N
98030 Taormina ME

 

Istituto principale:

 

MEIC88600X N.1"Foscolo"

 

 

 

Scuola Secondaria di secondo grado

 

Ragazzi da 14 a 18 anni. Il ciclo degli studi ha una durata fino a cinque anni.

 

Istituto Tecnico Professionale

 

"Pugliatti "

 

Contrada da Arancio Snc
98039 Taormina ME

 

Istituto principale:

 

MEIS03300G "Pugliatti "

 

Indirizzi di Studio:

 

SERVIZI PER L'ENOGASTRONOMIA E L'OSPITALITA' ALBERGHIERA

 

AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING

 

TURISMO

 

 

 

Centro Territoriale Permanente

 

Alfabetizzazione in età adulta in un contesto multietnico e multiculturale.

 

Dis035 - ITC Pugliatti

 

Contrada da Arancio
98039 Taormina ME

 

Istituto principale:

 

MEMM574003 Cpia - Messina

 

 

 

Una parrocchia ,Sacro Cuore di Gesù, in via Santa Venera, conosciuta per il “Presepe Vivente” che ogni anno attira migliaia di turisti provenienti da tutta la Sicilia.

 

La Banca di Credito Cooperativo di Pachino

La farmacia della dr.ssa Cacopardo Anna Maria . via francavilla 311;

Poste Italiane;

L’ufficio delle Entrate;

Fino a poco tempo fa era presente il Tribunale

 

 

 

 

 

 

L’identità di un territorio e  l’appartenenza allo stesso è fondamentale per il posto in cui si vive ,l’obiettivo e rendere partecipi i giovani e la cittadinanza tutta. Non conosciamo la Storia di Trappitello e ci documenteremo con i diversamente giovani che vivono qui e sono tanti, una cosa è certa noi che siamo arrivati dopo notiamo che c’è vita,  commercianti,artigiani, professionisti a vario titolo investono su Trappitello dedicandoci tempo e mettendoci passione e sacrificio e sostenendo l’associazione Traormina forum in tutte le manifestazioni che propone. Nei prossimi giorni vi parleremo dei nostri talenti e c’è ne sono tanti che nelle varie discipline si impegnano ed emergono e poi ci sono quelli che mettono passione in tutto quello che fanno, magari non emergono, ma è da lodare il loro impegno, perseveranza e sacrificio.  Da qui bisogna partire.

A presto

Mappa degli Sponsor e Servizi

SEGUICI SU SOCIAL

Segui su Social la nostra Associazione

NEWSLETTER

Iscriviti alla Newsletter del Carnevale di Trappitello!
Non vi preoccupate, noi odiamo lo spam!