Presentazione del Saggio

Il saggio è frutto di una ricerca inedita e meticolosa sui fatti accaduti presso l'antica chiesa. L'evento si terrà alle 18:30 al Palazzo dei Duchi di Santo Stefano ed è organizzata e sponsorizzata dal Club Unesco

Al Palazzo Duchi di Santo Stefano, la presentazione del saggio dal titolo: "Santa Venera di Taormina" Domani alle ore 18,30 al Palazzo Duchi di Santo Stefano, sarà presentato il saggio dal titolo: “Santa Venera di Taormina – La storia dimenticata dei suoi martiri e delle sue acque miracolose”. Il saggio è frutto di una ricerca storica meticolosa, condotta da Don Giuseppe Guliti Vice- Cancelliere della Diocesi di Catania; da Aurelio Grasso scrittore e storico e dal giovane Marco Palermo dottorando in teologia spirituale. Pagina inedita di storia. La ricerca, nasce dal ritrovamento presso l’Archivio Storico Nazionale di Toledo di un antico manoscritto redatto nel 1608 dall’Arciprete di Taormina Monsignor Melchiorre Coniglio che in una cronaca dettagliata dei fatti accaduti presso l’antica chiesa di Santa Venera, consegna alla città di Taormina una pagina inedita della sua storia e crea le premesse per nuovi approfondimenti. Moderatrice dell’evento sarà la taorminese Cettina Rizzo, delegata del Club Unesco di Taormina, alla Cultura dell’Arte e all’Archeologia. La manifestazione è voluta, organizzata e sponsorizzata dal Club Unesco Taormina, ed inserita nel programma delle manifestazioni nazionali della Federazione Ficlu Unesco e dal Comune di Taormina, ospitata dalla Fondazione Mazzullo e sostenuta anche dall’Associazione TraOrmina Forum, dal Circolo Santa Venera di Acireale e dal gruppo Comidi. «E’ un evento di assoluto spessore culturale – evidenzia Rino Toscano, presidente del Club Unesco di Taormina (vicepresidente della Federazione Italiana Club Unesco) – al quale ci auguriamo possa esserci una significativa presenza di pubblico».

Fonte Taormina today

Mappa degli Sponsor e Servizi

SEGUICI SU SOCIAL

Segui su Social la nostra Associazione

NEWSLETTER

Iscriviti alla Newsletter del Carnevale di Trappitello!
Non vi preoccupate, noi odiamo lo spam!